mobile commerce

Quante volte hai letto ultimamente che l’e-commerce è in grande crescita in tutto il mondo? Tantissime, lo so. Quindi non ti stupirà il fatto che anche in Italia lo shopping online cresce a doppia cifra: nel 2014 sono ben 21 milioni gli italiani che hanno fatto almeno un acquisto online. Più di un terzo dell’intera popolazione! (fonte dati Osservatorio Netcomm)

Analizziamo un po’ più nello specifico questi dati.
Alla base dell’enorme crescita c’è – anche – la straordinaria diffusione dei dispositivi mobili: siamo uno dei paesi europei con la più alta percentuale di smartphone in rapporto alla popolazione. E di certo non li lasciamo sul comodino…

Lo smartphone è il primo strumento che controlliamo al mattino (lo usi anche tu come sveglia, vero?) e l’ultimo prima di andare a dormire. Prova a pensare durante una giornata qualunque: è un continuo accesso per guardare mail, social, link, messaggi, whatsapp e quant’altro.

incidenza mobile commerce
fonte: Netcomm – E-commerce forum 2014

Chiariamo: in questo caso è più corretto parlare di Mobile-commerce (o M-commerce): ovvero l’acquisto tramite smartphone, tablet o qualsiasi altro dispositivo mobile, come per esempio uno smartwatch.

La distinzione è d’obbligo perché ci sono alcune differenze sostanziali rispetto al ‘tradizionale’ e-commerce.

[alert]Stai sfruttando questa opportunità per aumentare le vendite del tuo sito e-commerce?[/alert]

Quali sono le principali caratteristiche del mobile commerce?

I tempi dell’interazione si dilatano
La comunicazione con l’utente non è più confinata in orari specifici (da ufficio), ma si espande anche in momenti mai considerati prima come la sera tardi, il drive time, o la mattina presto.

Gli spazi si riducono
Lo schermo di uno smartphone o di un tablet non è grande come quello del tuo pc. Ovvio, ma sempre meglio ricordarlo. Lo spazio è ridotto, non solo quello visivo ma soprattutto quello d’azione. Non è solo una questione di dimensioni e proporzioni!

La navigazione è più rapida
Non nel senso della velocità di caricamento delle pagine, ma come approccio dell’utente. Facci caso: quando navighi dal tuo cellulare schizzi da una pagina ad un app con una velocità degna di Speedy Gonzales. Questo perché spesso lo fai in ritagli di tempo, o mentre stai facendo altro e perciò ti aspetti che tutto risponda immediatamente ai tuoi comandi. Se così non è, chiudi e passi oltre.

La sicurezza non è scontata
Sono ancora molti i dubbi sui metodi di pagamento mobile, soprattutto per la sicurezza dei dati sensibili. Sono stati fatti moltissimi passi avanti per la tutela de consumatore, ciononostante la fiducia tarda a manifestarsi.

Queste premesse sono necessarie per capire come approcciarsi alla vendita su mobile. Come succede per qualsiasi altra attività, ogni canale di diffusione ha le proprie logiche e peculiarità, i propri punti di forza e anche dei limiti.

[arrow]Lo abbiamo già detto: non è solo una questione di dimensioni![/arrow]

In che modo smartphone e tablet possono aiutarci a dare una marcia in più alle vendite

1. Ogni momento è buono per comprare: avere un sito mobile o un’applicazione ti permette di essere sempre disponibile per il cliente, non hai bisogno di particolari condizioni. Che sia su un treno o in bagno, davanti alla TV o a cena con le amiche, i tuoi prodotti saranno a portata di dito. E non finisce qui. Puoi essere tu a stuzzicare la sua voglia di shopping, anche il venerdì sera alle 18. Con le notifiche, puoi sbizzarrirti ad inviare anche ad orari improbabili ed avere tassi di apertura sorprendenti. Fai dei test!

2. Sfrutta la fretta e l’impulso: pensa mobile! Non proporre un catalogo infinito di prodotti. Seleziona e organizza in base a filtri facili da selezionare e fatti furbo: proponi outfit piuttosto che capi singoli, suggerisci prodotti complementari e soprattutto evidenzia lo sconto, l’ultima quantità rimasta e la scadenza della promozione.
Si è più portati a concludere un acquisto d’impulso quando si accede da mobile.

3. Asseconda le abitudini: rendi facile la condivisione del prodotto sui social, whatsapp e via mail. L’utente mobile passa moltissimo tempo su facebook, in chat e a controllare le email. Sono gesti familiari. Fai entrare gli articoli che vendi in questo circuito e sarà più facile chiudere una vendita.

4. Anteprime ed Esclusive: avere un canale alternativo di vendita ti permette di differenziare l’offerta e renderlo speciale. Destina alcuni articoli esclusivamente al sito mobile o all’applicazione, oppure mettili in vendita qualche ora prima rispetto al sito. Stimola la voglia e la curiosità di tornare da te su entrambi i canali e così facendo moltiplicherai le occasioni di incontro (e di vendita).

5. Whishlist: riprendiamo i concetti di fretta, velocità e impulso ed usiamoli per aiutare l’utente nel processo d’acquisto. Lo shopping non è più un’esperienza lineare: l’utente cerca prodotti online, visita il sito o la pagina facebook del brand da mobile, sceglie gli articoli e poi conclude l’acquisto la sera, seduto sul divano. Questo è solo un esempio, ma considerala come la prassi. Dare la possibilità anche da mobile di salvare prodotti in una whishlist condivisibile, porta l’utente a riempirla con più facilità (e leggerezza) e ad affinare la scelta con più calma.

6. Geolocalizzazione: attraverso il sistema di tracciamento posizione, il tuo smartphone diventa uno strumento per intercettare i clienti vicino al negozio fisico e fare offerte in realtime. Oppure puoi scegliere di inviare notifiche solo in una certa area geografica, in modo che sia più specifica e personalizzata ad un determinato segmento.

Oltre ai punti qui sopra, è bene prevedere alcuni piccoli accorgimenti che rendono ancora più facile l’acquisto in mobilità.

Bonus tips

Fotografie: lo spazio visivo è ridotto, quindi aggiungi lo zoom alle foto

Salvataggio dei dati: permetti di salvare indirizzo di spedizione e dati della carta così da rendere ancora più comodo l’acquisto mobile.

Facilitare le azioni: fai in modo che i bottoni di conferma e i vari link siano comodi da schiacciare con un dito.

Hai ancora dei dubbi sull’importanza di integrare il canale mobile nella tua strategia di vendita? Hai già sperimentato questo canale? Condividi con noi la tua esperienza! 😉

[iscrizioneNL titolo=”Resta sempre aggiornato con il Blog Argoserv” testo=”Non perderti neanche un post! Iscriviti ora alla newsletter e resta sincronizzato con i nostri contenuti.”]