ottimizzazione seoDare visibilità online ad un Sito Web significa sostanzialmente scalare le SERP di Google delle sue pagine principali con determinate keyword.

Per fare questo, occorre quanto meno ottimizzare lato SEO le pagine per cui vogliamo conquistare le prime posizioni delle pagine dei risultati di Google.

In buona sostanza si tratta di far leva sui parametri che Google considera fondamentali per essere con le carte in regola quando passerà il crawler.

Cerchiamo di capire quindi tutto quello che possiamo fare per dar modo a Big G di spingerci più in alto possibile nei risultati delle ricerche dei nostri potenziali clienti. Una guida passo passo. 😉

 

Il Tag Title: il primo biglietto da visita della tua pagina web

Il Title è la prima cosa che una persona vede quando si collega su Google e cerca la parola chiave che ti fa uscire tra i primi risultati. Ecco alcuni consigli per scriverlo al meglio:

[list type=”arrow”]

  • Usa parole chiave pertinenti e descrittive senza esagerare
  • Scrivi parole accattivanti con l’obiettivo di catturare l’attenzione del lettore
  • Non superare le 65 battute (spazi compresi) per evitare il troncamento
  • Usa il Maiuscoletto per tutti i sostantivi o tutti i nomi a cui vuoi dare particolare risalto

[/list]

Tag Title

 

Tag Description: una piccola finestra sui contenuti della pagina

La description di una pagina, come dice la parola stessa, è una breve descrizione (160 battute spazi compresi) del contenuto della pagina. Anche se non ha un grosso peso sull’indicizzazione, è un fattore importantissimo per il click-through.

La description dovrebbe essere il naturale proseguimento del Title. Dovrebbe incuriosire il lettore al punto da spingerlo a cliccare sul link e a visitare la pagina. Ecco qualche consiglio:

[list type=”arrow”]

  • Costruisci la description pensando ai tuoi potenziali clienti
  • Scrivi tanto quanto basta per far comprendere il contenuto della pagina
  • Non superare le 160 battute altrimenti Google tronca e non è bello
  • Evita punti esclamativi o interrogativi. Cerca di stupire con le parole

[/list]

description

 

 

 

 

Titoli H1 e H2: chi ben comincia è a metà dell’opera

Il titolo H1 è quello che introduce il lettore al primo capoverso della tua pagina web. Scriverlo bene significa decidere se l’utente continuerà nella lettura della pagina p se andrà via preso dalla noia e dalla delusione.

Come ho già detto in un precedente articolo di questo blog, per scrivere titoli efficaci è sufficiente fare riferimento alla poco nota regola della minigonna che qui sintetizzo. Un buon titolo deve:

[list type=”star”]

  • spiegare, far comprendere l’oggetto dell’articolo in maniera concisa ed esaustiva
  • incuriosire il lettore al punto da spingerlo a continuare la lettura dal primo capoverso
  • affascinare chi legge con parole semplici ma efficaci e dal forte impatto emotivo
  • promettere seriamente qualcosa che poi verrà mantenuto all’interno del testo

[/list]

Oltre al titolo H1 c’è il titolo H2 che invece serve ad introdurre i paragrafi della pagina e aiuta il lettore nel trovare i giusti punti di ingresso al testo. Non dimenticare che la lettura via web è una scansione e un saltare con gli occhi da un punto all’altro del testo.

Come vedi le regole per ottimizzare la tua pagina web sono molto orientate al contenuto e alla trasparenza comunicativa. Che è come dire: di’ ciò che fai e come lo fai sinceramente e rispettando i parametri basilari di Google. E non dimenticare mai la regola Aurea della SEO: scrivi per le persone, non per Google!